venerdì 18 maggio 2012

Venerdì del libro: Quando sono nato

Per questo venerdì voglio parlarvi di un libro che celebra la nascita e le bellezze del vivere quotidiano: Quando sono nato.
E' la voce di un bambino che parla e racconta che: "quando sono nato non avevo ancora visto niente.  Solo buio. Un grande buio nella pancia della mamma". Non aveva visto il sole e non conosceva nessuno. Non sapeva cose fosse il mare, e che ci fossero spiagge e montagne. Non aveva ancora giocato con i sassi, in realtà le sue mani non avevano ancora toccato nulla. Non immaginava che ci fosse un cielo.
"Quando sono nato, era tutto nuovo. Tutto stava per cominciare".
Gli occhi di questo bambino si sono incantati quando hanno scoperto che tutto ha un colore: il rosso delle ciliegie, il marrone di certi uccellini, il bianco delle nuvole.
Anche la sua bocca si è incantata quando ha scoperto tutto quello che poteva fare: gridare, ridere, dire parole buone e parole cattive.
Anche il suo naso si è incantato quando ha scoperto gli odori.
Quando questo bambino è nato le sue mani hanno cominciato a fare domande: "Che cos'è? Chi sei? Da allora non hanno mai smesso: sempre a scoprire e a imparare".
Quando questo bambino è nato, non sapeva quasi niente, ma nel momento in cui parla, qualcosa ha imparato e ancora imparerà.
Solo una cosa è certa: ogni giorno il bambino scopre qualcosa di nuovo e "questa è la cosa più fantastica che c'è".
Un inno alla vita, che ci aiuta a riflettere sull'importanza delle piccole cose che ogni giorno ci circondano e sull'importanza di concedere ai bambini la libertà di scoprire.

Autore: Isabel Minhòs Martin
Editore: Topipittori
Età di lettura: dai tre anni

8 commenti:

  1. L'ho visto proprio in questi giorni, mentre facevo un ordine di libri :) e mi aveva incuriosito. Ora ne so qualcosa di più, grazie!
    "Solo una cosa è certa: ogni giorno il bambino scopre qualcosa di nuovo e "questa è la cosa più fantastica che c'è"." come è vero!
    buon finesettimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro questo libro perchè ci sono tanti spunti di riflessione per noi adulti!

      Elimina
  2. Che bello il libro che proponi ora me lo segno, grazie.

    RispondiElimina
  3. Racchiude tuttala meraviglia che vedo quotidianamente negli occhi e nelle espressioni di meraviglioso stupore dei miei figli e, da quando ci sono, cerco di vedere ogni cosa con i loro stessi occhi.

    RispondiElimina
  4. Un libro di incanto e di scoperta, mi piace!grazie per questa bella proposta!Io per questo venerdì propongo un libro per grandi invece che per bimbi, diversamente dal solito!buon weekend!

    RispondiElimina
  5. Che bello questo libro che ci rammenta di quanto a volte trascuriamo "le piccole cose" e per associazione di idee mi viene in mente mio nonno, che nella vita è sempre stato un cuor contento, nonostante le brutture delle due guerre viste e vissute, sia come soldato sia come cittadino privato di tutto. Grazie

    RispondiElimina
  6. Che bella questa tua recensione. E' uno dei nostri libri preferiti, uno di quelli più richiesti per il rito della nanna o anche per il solo piacere di una mezzoretta di lettura insieme.

    Anche io lo avevo presentato, anche se nel costento di un'altra iniziativa, non il VdL di Paola ma l'altrettanto bellissimo progetto 9 Mondays for 9 Skills di Palmy del blog Mens Sana.

    Ti segnalo il link:
    http://towritedown.wordpress.com/2012/05/07/la-domanda-piu-grande/

    Buon week end!
    Grazia

    RispondiElimina
  7. Bhè!!! Che dire! Una meraviglia. Ogni venerdì scopro dei veri e propri gioiellini e ne sono stra-felice... Lo cercherò!

    RispondiElimina

Ti potrebbe anche interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...